Chiara Bernareggi

Contattaci

Story

Perdersi nell’arcobaleno

Si, ero una bambina timida e introversa. Caschetto e occhialetti, educata e buona d’animo, ma con un caratterino ostico, intrattabile, come direbbe mia mamma, soprattutto la mattina appena alzata, e cascasse il mondo non salutavo mai.
L’adolescenza il periodo più difficile, molto complesso. Frequento le scuole medie presso i Salesiani, a Treviglio, scuola-collegio d’altri tempi, prettamente maschile, molto rigorosa. Sradicata dall’ambiente dell’infanzia, perdo le prime amicizie, in classe ne coltivo poche.
La felicità arriva dalle superiori, all’istituto Jacopo Nizzola di Trezzo, dove frequento Relazioni Internazionali e Marketing, mi appassiono alle lingue straniere, ero anche discretamente brava. Nel tempo libero facevo danza hip-hop a livello agonistico, con 3-4 allenamenti a settimana, eravamo 20 ragazze partite da zero, cresciute insieme. Bellissimi ricordi.
Avevo scelto un ITS perché non ero sicura di voler proseguire a studiare dopo il diploma, convinta di non esserne in grado, avevo poca autostima. Ma avevo un amico, più grande di me, che mi diceva: “Tu devi fare l’università, devi fare Psicologia”.
Vado all’Open Day in Bicocca. Non sapevo cosa fosse Psicologia del Lavoro: ma rimango subito affascinata. Un percorso di studi meno clinico e più improntato allo studio dei comportamenti nel contesto lavorativo. Un approccio caleidoscopico, anche per la magistrale.
Negli anni dell’Università conosco il mio fidanzato e la mia attuale compagnia di amici, persone preziose che mi affidano le attività HR di un bellissimo progetto destinato alla città di Bergamo: Visionary Days, un grande evento rivolto ai giovani under 35, un brainstorming collettivo sul futuro della città e del territorio. Qui faccio selezione e formazione e decido che le HR, almeno per iniziare, potevano essere il mio ambito lavorativo.
E così entro nel magico mondo della consulenza milanese, prima con un tirocinio, poi in apprendistato. Qui mi buttano nel mare, e me la devo cavare da sola. Facevo selezione dei profili junior, 15 ricerche al mese, seguivo l’onboarding e gestivo l’attività di Employer Branding nelle Università di tutta Italia. Ho resistito un anno e mezzo. La parola resistenza è voluta. Dopo un periodo in burnout, dove non provavo più attrazione per le attività core del mio ruolo, in crisi e difficoltà, decido di cambiare.
Incontro Multi, che non conoscevo, a gennaio 2023: abituata al contesto milanese, una rivelazione. Bello fare HR ad alto livello per le PMI: non fai solo selezione, ma diventi partner strategico per le aziende clienti e per le tue persone. Nella gestione dell’azienda/persone giochi un ruolo fondamentale nell’accompagnare con stabilità le risorse nei passaggi delicati del percorso professionale. Sei negoziatore, psicologo, amico.
E soprattutto ascoltatore attento, anche dei silenzi.
Quando stai per perderti in un bicchier d’acqua, o nell’arcobaleno, ti possono mancare le parole per dirlo, ma non ti deve mancare qualcuno che ti dia ascolto.

Chat Bubble

MULTI

Socializziamo?

    Più informazioni

  • Chi siamo
  • Team
  • Settori e clienti
  • Relazioni
  • Lavora con noi

Vieni a trovarci

MULTI

Multi-Consult S.r.l.
Via Antonio Locatelli, 31
24121 Bergamo

Socializziamo?

© 2023 Multi-Consult S.r.l. | P.IVA 02303740167 C.S. 10.200,00€- REA 278809 - Sede legale: Via Monte Ortigara, 1, 24121 , Bergamo , (BG) - Italia - Tutti i Diritti Riservati / All rights reserved