Alberto Fusari

Contatta
Alberto Fusari

Non c’è niente di già pronto

Sono cresciuto nella bassa bergamasca, afa e nebbia, campi di frumento e sacchi di cemento, trebbiatrici e betoniere, cultura contadina e di cantiere. Mia nonna un mito matriarcale, tredici figli, decine di nipoti, la domenica tutti riuniti in cascina, tavolate da cinquanta persone. «Se vuoi qualcosa, te lo devi guadagnare» A 15 anni svegliarsi all’alba,…