Concept in progress

Il Design è l’arte di progettare. Lavorando nel mondo del Design Management la cosa che più mi colpisce è incontrare personaggi di grande spessore che pensano in modo collettivo, dimostrando una forma mentis evoluta verso la sostenibilità.

Il vero design non è puramente estetico, ma una filosofia di progettazione, il progetto deve sempre essere un’ottimizzazione di forma e funzione che renda migliore la vita di tutti.
Da questo punto di vista Ciclotte è un’utopia, un concept, un progetto vivo, in continuo divenire. Ne sono rimasto colpito a prima vista, quando era ancora Ciclò, monociclo da città, oggi esposta alla Triennale di Milano. Ricordo la presentazione, c’erano Philippe Daverio, Arturo Dell’Acqua, e un clima d’entusiasmo condiviso. Per noi l’occasione di costruire un percorso esemplare al fianco di Lamiflex: la collaborazione con marchi come Tonino Lamborghini e Cavalli, l’accordo con Harrods, la presenza di Ciclotte in film hollywoodiani, il successo nelle fiere luxury, le richieste da parte di VIP del cinema o della musica.

All’estero apprezzano le idee innovative che fioriscono in Italia, la forte componente estetica che rende riconoscibile e unico un prodotto. Noi italiani siamo dotati di grande individualismo creativo e riusciamo a esprimere punte di genialità. La difficoltà è nel fare squadra. Il mio lavoro in Multiconsult cerca di superare le barriere dei singoli, in sostanza mi occupo di marketing matrimoniale, mettendo in sinergia designer/imprese e mercato.