Ad maiora

Lavoravo per l’ente del turismo della mia valle, e mi trovavo a Berlino, a rappresentare e promuovere l’ente all’ITB (la Borsa Internazionale del Turismo) quando mi rendo conto, con una specie di nostalgia, che sono due anni che non parlo tedesco.

Poco dopo, leggo per caso il post di un imprenditore che sta cercando “qualcuno per la Germania”, e non lo trova. Mando il CV, e in questo modo incontro Giovanna e Multiconsult. Due colloqui, e una decisione non facile da prendere.

Ripenso alla mia storia, alle mie esperienze con “la Germania”.

Il progetto Erasmus, tre mesi a Saarbrucken, confine con la Francia, in un ufficio di promozione del turismo sostenibile: i progetti, le certificazioni, i convegni, le fiere.  Prima ancora, a 18 anni, il progetto europeo Leonardo da Vinci, un mese a Francoforte in un centro servizi studenteschi, con una copisteria-stamperia incredibilmente caotica. Non c’era stato bisogno di dirmi cosa fare, m’era venuto istintivo riorganizzare tutto.

Alla fine ho seguito il mio motto, ad maiora, che era la formula di saluto, di augurio, che usava il mio professore di Legislazione dell’Unione Europea.

Fare cose più grandi, puntare a risultati migliori, è sempre stato il mio imperativo. Ha contraddistinto il mio percorso scolastico, ogni mia esperienza lavorativa precedente, ed è la mia “frase guida” anche oggi in Multiconsult, mentre lavoro a progetti di filiera, a fiere di settore o a iniziative per l’internazionalizzazione di aziende clienti.